C’è già un gran fermento

In questo primo giorno d’estate,

tutto è

una festa mobile.

Nostalgici vassalli di

nostalgie non conosciute

nella notte

alla luce di un falò

e spie etrusche

russe

volano intorno al fuoco

perenne profezia di misteriosi

gesti rituali,

cosa cantano i poeti andalusi

se non la metafora della luce?

Le altre di “Crossroad Blues”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.