In superfice l’incubo,

e poi sprazzi di profondità,

di luce, senza forme,

ho smesso di chiedermi cos’è

e perché. Ora guardo uccelli volare

alto,

e poi sostare,

appoggiarsi leggeri su un semaforo

cittadino che

fiero svettava nell’incrocio della strada

e sembrava dire: “Tu puoi andare a destra,

tu puoi andare a sinistra,

tu puoi andare dritto.

Ma gli uccelli lo hanno usato

Solo

per poggiarsi come fosse un albero,

una roccia,

o qualunque altra cosa.

Le altre di “Crossroad Blues”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.